COME POSIZIONARE IL TUO SITO NEL 2020

Sfrutta le intenzioni degli utenti per migliorare il tuo posizionamento su Google

Per creare un contenuto di successo all’interno del tuo sito, che possa sia farti vendere che farti posizionare bene su Google, devi conoscere o immaginare le intenzioni degli utenti.

Quando le persone compiono delle ricerche riguardanti la tua attività, quando digitano certe parole-chiave, lo fanno per trovare… che cosa?

Vogliono trovare delle semplici informazioni basiche come l’indirizzo, il numero di telefono e gli orari?

O vogliono trovare un elenco dei tuoi servizi e prodotti con i relativi prezzi?

Magari desiderano trovare degli approfondimenti con varie spiegazioni e consigli su cosa è meglio per loro, o sui tuoi casi di successo.

Le intenzioni degli utenti e i suggerimenti di Google, ti aiutano ad approfondire un argomento e a sviluppare le tue pagine.

Ad esempio, potrebbero voler sapere come hai fatto a conquistare la vetta di una montagna in appena 1 ora e mezza, o come hai fatto a guadagnare 1 milione di Euro in 1 anno, o come hai aiutato una giovane coppia a trovare e ad arredare la loro nuova casa dei sogni, o come hai modificato un certo modello di MTB.

Una volta che hai intuito non solo cosa cercano e vogliono sapere in generale, ma anche quanto tu debba entrare nello specifico, hai già risolto per metà il tuo problema, ovvero il posizionamento del tuo sito su Google.

Nel corso degli anni, questo motore di ricerca si è evoluto e si è sempre più perfezionato, consentendo a chi si comporta bene, di ottenere un’ottima posizione nella pagina dei risultati della ricerca.

Ora, Google ha deciso di premiare non chi ripete come un ossesso la stessa parola-chiave, bensì chi sa rispondere meglio ai quesiti, alla curiosità e ai problemi degli utenti.

Insomma, premia chi propone il contenuto testuale migliore, non chi compie keyword stuffing.

Google è il primo a leggere nel pensiero i desideri degli utenti:

in base alla chiave di ricerca, può decidere di mostrarti anche alcuni video secondo lui rilevanti, forse perché visti su YouTube da chi, in quest’altro sito, ha cercato le stesse cose che stai cercando tu ora.

Digitando ciò che stai cercando, noterai come Google ti aiuterà a terminare la frase mostrandoti le ricerche più popolari.

Come puoi approfittare di questi suggerimenti?

Ad esempio puoi trovare tante nuove keywords o keyphrases per il tuo sito, appartenenti a sottocategorie:

suggerimenti google seo
infissi > infissi in legno > infissi in legno restauro > restauro infissi in legno conviene

Ti faccio un altro esempio:

una persona che sta compiendo una ricerca sugli “occhiali da sole”, può essere mossa da intenzioni molto diverse tra loro:

1. può desiderare di ottenere soltanto delle informazioni, magari sugli ultimi tipi di lent

2. può voler trovare le novità di un certo brand

3. può desiderare di acquistarne un paio

Presta attenzione alle chiavi di ricerca con cui gli utenti trovano le tue pagine.
Dagli ciò che vogliono trovare senza confonderli.

Per via di queste diverse intenzioni, devi conoscere con quali chiavi di ricerca i tuoi visitatori trovano il tuo sito.

Se vogliono avere informazioni e tu gli mostri invece una pagina di vendita con i prezzi, le modalità di pagamento, trasporto e reso, usciranno subito, perché tu vuoi vendere, mentre loro vogliono solo leggere alcune caratteristiche.

Idem l’opposto:

se trovano una tua pagina informativa, quando invece hanno la carta di credito bollente pronta per essere usata, se ne andranno in cerca di qualcuno seriamente intenzionato a vendere.

Devi però sapere che la maggior parte delle ricerche online è di tipo informativo. Sono poche le persone che compiono direttamente un acquisto.

Ciò nonostante, chi cercare informazioni riguardanti ad esempio le caratteristiche di un prodotto, dopo poco tempo potrà tornare nel tuo sito per compiere un acquisto.
Per questo motivo, in uno o due punti delle tue pagine informative, puoi inserire un’offerta.

A quali domande devi rispondere nel tuo sito?

Così come le persone possono cercare infissi digitando le più disparate chiavi di ricerca, così posso le cose più diverse per ogni tipo di servizio e prodotto.

Ora ti mostro alcune domande che pongono le domande a Google:

– Come.
Esempi: come si fa? Com’è fatto? Come si monta? Come si ripara? Come si cucina?

– Cosa.
Esempi: cos’è? A cosa serve?

– Quanto.
Esempio: quanto costa quel prodotto / quel servizio?

– Benefici.
Esempio: quali sono i benefici di X?

– Modi.
Esempi: quali sono i modi per vendere? Quali sono i modi per convincere? Quali sono i modi per conquistare?

Inoltre cercano guide, tutorial, recensioni e pareri.

In base alle ricerche e ai problemi degli utenti, dovrai studiare un modo per mostrare le tue risposte.

Google premia i siti con contenuti informativi mostrati in maniera semplice, però in grado di approfondire le tematiche, soddisfacendo in pieno la curiosità degli utenti.

Prima ho menzionato gli occhiali da soli. C’è un sito, in inglese, semplice come questa mia pagina, in cui vengono elencati i benefici degli occhiali da sole. Compare al primo posto alla voce “benefits of wearing sunglasses”.

Se i tuoi visitatori hanno bisogno di vedere come si fa una cosa step by step, devi inserire un video tutorial, anche sotto forma di elenco numerato.

Se gli utenti vogliono conoscere meglio un prodotto, magari per confrontarlo con quello di altre marche, hai bisogno di:

– una landing page molto chiara

– una pagina di presentazione

– il video di una presentazione pratica

– un e-book gratuito in cui spieghi come hai creato quel prodotto

– dei casi studio

– una lista di caratteristiche e benefici

– un’infografica

Qualsiasi cosa che si abbini a quel certo termine di ricerca tramite cui un buon numero di utenti trova il tuo sito.

Mi raccomando, assicurati che digitando il nome del tuo prodotto, il tuo sito comparaia in 1^ posizione su Google.

Cosa digitano le persone quando vogliono comprare

Non c’è niente di meglio che soddisfare le voglie di acquisto dei tanti utenti che popolano il web.

D’altronde, sia imprenditori che commercianti e professionisti sono online tutti insieme appassionatamente proprio con questo scopo:

vendere, prendere un appuntamento o inviare un preventivo.

Quando le persone vogliono acquistare o, appunto, incontrare un professionista, digitano frasi come queste:

– dove posso comprare / dove comprare X?

– nome del prodotto + sconto / offerta

– coupon / buono sconto + prodotto / servizio / esperienza

– fissare un appuntamento con…

– nome dell’oggetto + in vendita

– come / dove ordinare X?

– scarica il video / l’e-book / il buono.

Se, ad esempio, stai vendendo degli occhiali Ray Ban, dovresti posizionarti con la frase-chiave relativa ad un loro possibile acquisto, online o offline che sia:

“Dove comprare occhiali da sole Ray Ban” o “Occhiali da sole Ray Ban in offerta”.

Ti consiglio di ottimizzare le pagine di vendita, le pagine dei prodotti, le pagine con i prezzi, le pagine del le video-recensioni, quelle da utilizzare per fissare un appuntamento e quelle in cui offri la tua consulenza gratuita.

Quando gli utenti cercano qualcosa da comprare, non devi sforzarti troppo nella creazione di grandi contenuti. Ciò che mostri e scrivi deve semplicemente abbinarsi ai loro desideri, alla loro volontà di acquisto.

Potresti compiere un’ottima analisi, controllando le pagine simili dei tuoi rivali.

Ricorda: alcune keyword e keyphrase sono associate ad una sola intenzione, altre invece possono aerne più di una.

Chi cerca degli auricolari, può essere in cerca di un sito di comparazioni o di uno dove acquistarli, così come chi cerca “tiramisù” può desiderare di trovare la ricetta originale o il miglior pasticcere del suo paese.

E il tuo sito com'è posizionato?

Contattami per migliorare il tuo posizionamento su Google